• Italiano
  • English

menu

6 dicembre: convegno internazionale “Progettare la città europea di medie dimensioni”

Parma, 5 dicembre 2018 – Giovedì 6 dicembre, dalle 9.30 alle 18.30, si terrà al Campus (Centro Congressi del Plesso Aule delle Scienze) il convegno internazionale “Progettare la città europea di medie dimensioni. Strategie e metodi di analisi e progetto”.

Entra così nel vivo il Progetto ARCHEA - ARCHitectural European medium-sized city Arrangement, finanziato nell’ambito dei Partenariati strategici Erasmus+ e partecipato dall’Università di Parma.

In questo primo incontro pubblico i gruppi internazionali mostreranno gli esiti dell’applicazione di metodologie progettuali didattiche e di ricerca secondo una complementarietà culturale che comprende diversi aspetti. Progettare nel costruito secondo un approccio metodologico sperimentale sarà l’argomento del contributo dell’Università di Parma, il disegno della città nelle sue diverse forme e significati sarà il tema approfondito dal gruppo dell’Università di Bologna, mentre i rappresentanti delle altre Università europee partner di progetto relazioneranno circa gli spazi aperti della città e la loro mappatura contemporanea, la lettura dei fenomeni spaziali della città e l’importanza degli spazi naturali nel progetto urbano di matrice francese.

Interverranno i responsabili scientifici delle diverse unità di ricerca: Lamberto Amistadi dell’Università di Bologna (capofila), Enrico Prandi dell’Università di Parma, Uwe Schroeder della Rheinisch-Westfaelische Technische Hochschule (RWTH) di Aachen (Germania), Tomasz Bradecki della Politechnika Slaska di Gwilice (Polonia), Valter Balducci dell’Ecole nationale supérieure d'architecture de Normandie (ENSA) di Rouen (Francia).

Tra i relatori ci saranno anche Michele Alinovi, Assessore alle Politiche di pianificazione e sviluppo del territorio e delle opere pubbliche del Comune di Parma, Carlo Quintelli, docente del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Parma, Gino Malacarne, docente dell’Università di Bologna, Giovanni Marras, docente dell’Università IuaV di Venezia, Valentina Orioli, Assessore del Comune di Bologna e Marcello Capucci, Dirigente Servizio Qualità Urbana e Politiche Abitative della Regione Emilia-Romagna.

Concluderà la giornata la lectio Città, Vita, Architettura dell’architetto Klaus Theo Brenner, architetto berlinese che opera secondo la concezione di una “architettura della città” (stadtarchitektur).

Nell’occasione sarà allestita nello spazio mostre del Plesso Aule delle Scienze del Campus una mostra dal titolo Progettare il costruito. Nuovi modelli a qualità integrata per la città compatta frutto di un percorso di Dottorato di Ricerca svolto dall’architetto Paolo Strina con il finanziamento Spinner2013 della Regione Emilia Romagna.

Pubblicato Mercoledì, 5 Dicembre, 2018 - 16:33 | ultima modifica Mercoledì, 5 Dicembre, 2018 - 17:35